Sanità, Orgoglio Castelvetranese Belicino: “il nostro territorio mortificato”

Il Comitato interviene duramente su decisioni adottate dalla Gestione Tecnica Asp Trapani e attacca la classe politica

Redazione Prima Pagina Salemi
Redazione Prima Pagina Salemi
06 Agosto 2022 09:15
Sanità, Orgoglio Castelvetranese Belicino: “il nostro territorio mortificato”

Riceviamo e pubblichiamo una nota firmata dal Comitato Orgoglio Castelvetranese Belicino che interviene nuovamente sulla questione sanitaria ed in merito ad alcune decisioni adottate dalla Gestione Tecnica dell’Asp di Trapani che penalizzerebbero l’ospedale di Castelvetrano “Vittorio Emanuele II”. Ecco quanto si nella nota:

La conferma di una deliberata strategia di sistematica distruzione dell’offerta sanitaria a Castelvetrano e nella Valle del Belice, arriva dalla comunicazione della Gestione Tecnica dell’Asp di Trapani (prot. N. 0101881 del 5/8/2022) che prevede dei lotti di intervento tecnico dettati dalle scelte regionali per il PNRR. Fra tutti i programmati interventi per la costruzione di ospedali di comunità, case di comunità e di centrali operative territoriali NON È PRESENTE CASTELVETRANO CITTÀ CANCELLATA. Ancora una volta il nostro territorio viene mortificato dalle scelte di una classe politica regionale che ha abbandonato a se stesso il territorio belicino determinando la trasformazione a CARCASSA dell’ospedale della Valle del Belice, con un graduale e sistematico depotenziamento dell’intera struttura. Dopo il trasferimento a Mazara del nostro Punto Nascite e del Reparto Pediatria, anche il reparto di Ortopedia è a rischio chiusura una volta che gli ortopedici che sono applicati da altre strutture ritorneranno presto alle loro sedi.

È stato disposto dall’Asp provinciale di non procedere a nuovi ricoveri nel nostro Reparto Medicina per mancanza di personale medico. Tutto ciò la Direzione strategica dell’Asp dovrebbe darne spiegazione e smentire il dato ineluttabile che fra i cinque ospedali della nostra Provincia di Trapani, l’UNICO ad essere penalizzato, declassato e vilipeso è quello di Castelvetrano, nella totale colpevole indifferenza della classe politica locale di governo e di opposizione e nella fallimentare via istituzionale dei sindaci del Belice. Qualcuno dovrà rispondere di tutto ciò e ci auguriamo che gli elettori già il 25 settembre facciano tesoro delle nostre denunce di ben oltre quattro anni di attività di Orgoglio Castelvetranese per non cadere nella trappola della caccia al voto di chi, del diritto alla salute di 100.000 belicini si è disinteressato, per interesse personale e clientelare per favorire altri territori”.

Ti piacciono i nostri articoli?

Non perderti le notizie più importanti. Ricevi una mail alle 19.00 con tutte le notizie del giorno iscrivendoti alla nostra rassegna via email.

In evidenza