Perdonare il marito violento? Assurdità! Villabuona furiosa contro don Crociata

Il presidente dell'Assemblea provinciale Pd interviene sul commento su facebook postato dal prete di Castellammare

Redazione Prima Pagina Salemi
Redazione Prima Pagina Salemi
08 Aprile 2021 09:12
Perdonare il marito violento? Assurdità! Villabuona furiosa contro don Crociata

Tra moglie e marito può capitare ed esiste il perdono. Polemiche per le parole “buoniste di un prete. Sono scattate polemiche furiose sui social a causa di un commento postato dal prete di Castellammare del Golfo, don Antonio Michele Crociata, il quale, su Facebook ha esortato le donne a perdonare il consorte violento. Il commento di don Crociata è stato a dir poco considerato troppo “buonista” dal popolo di Facebook e di non tenere conto dei troppi femminicidi che si sono succeduti negli anni e che purtroppo tengono ancora banco nella cronaca. 

Particolarmente “furiosa” è la presidente dell’Assemblea del PD Provinciale l’avvocatessa trapanese Valentina Villabuona (in foto di copertina): “Monsignor Crociata Prete di Castellammare sui social ci spiega che tra moglie e marito può capitare, che certo non bisogna esagerare, ma esiste il perdono e comunque anche le mogli sbagliano. Eppure la Chiesa dovrebbe essere il luogo che accoglie e protegge le donne vittime di violenza ed invece con un post pubblico questo Prete incentiva le donne a non denunciare e a far finta di nulla.

Evidentemente non sa che spesso dopo una mancata denuncia, la volta dopo l'episodio è più grave e spesso si arriva al femminicidio, così come racconta la cronaca, non sono nostre invenzioni. E allora sarebbe meglio che il Prete di Castellammare si impegnasse a spiegare agli uomini che devono avere rispetto delle mogli, perché "porgi l'altra guancia" in questi casi rischia di essere molto pericoloso. Sono affermazioni gravi nei confronti delle donne che vanno condannate senza indugi. Certo, il commento di don Crociata, pochi giorni dopo la condanna all’ergastolo di un uomo di Partinico, Antonio Borgia, accusato di aver ucciso la propria compagna Anna Maria Lacramioara, appare del tutto fuori luogo.

“Solitamente, un uomo che picchia la propria moglie non può che peggiorare in una escalation di violenza che tra le mura di casa spesso diventa l’amara quotidianità per una donna che invece di denunciarlo si sottomette a questa sopportazione dell’impossibile”. Questa la chiosa della presidente Villabuona.

In evidenza