Santa Ninfa: Un docu-film sulla vita di Nino Cordio; contributo del Comune

Si intitola «Misteriosamente inventato» il docu-film realizzato dall' associazione culturale romana «CineMario»

Redazione Prima Pagina Salemi
Redazione Prima Pagina Salemi
10 Giugno 2021 10:29
Santa Ninfa: Un docu-film sulla vita di Nino Cordio; contributo del Comune

SANTA NINFA. Un film sulla vita di Nino Cordio, l'artista nato a Santa Ninfa nel 1937 e morto a Roma nel 2000, al quale la sua città ha dedicato un museo contenente un'antologia delle opere più rilevanti inaugurato nel 2007. Si intitola «Misteriosamente inventato» e prende in prestito le parole che Leonardo Sciascia scrisse, nel 1981, a proposito dell'importanza e della peculiarità, soprattutto nel campo dell'incisione, dell'opera dell'artista siciliano.

A realizzarlo (le riprese sono da poco terminate e il docu-film è in fase di montaggio) è l'associazione culturale romana «CineMario». L'autore è lo sceneggiatore e drammaturgo Francesco Suriano, che nel comporne la struttura si è avvalso dei testi che molti autori ebbero a scrivere su Cordio, intrecciandoli con gli avvenimenti storico-politici e artistici che accaddero nel periodo che va dagli anni Trenta alla fine del secolo scorso. La regia è di Francesco Cordio, mentre l'attore Ivan Giambirtone recita nei panni di Nino Cordio.

Il montaggio è di Giulio Tiberti.Il progetto di un docu-film su Nino Cordio nasce con l'obiettivo di raccontare la vita di un artista stimato e ammirato nell'ambiente letterario e culturale italiano, in particolare da Sciascia appunto, Andrea Camilleri, Carlo Levi, Enzo Siciliano, Renato Guttuso. «Il film - precisa Suriano - desidera contribuire a riportare il lavoro di Cordio all'attenzione del pubblico e al centro dell'odierno dibattito culturale, in modo che si possa pienamente comprendere il ruolo che egli ebbe nel panorama dell'arte italiana della seconda metà del Novecento».Alla produzione contribuiscono finanziariamente vari enti, tra cui il Comune di Santa Ninfa, che ha deliberato un sostegno economico di cinquemila euro.

Serviranno, come precisa la delibera approvata dalla Giunta municipale, per il pagamento di attori, autori e montatori, per il noleggio delle attrezzature e per l'affitto del teatro utilizzato per le riprese.L'opera filmica, una volta ultimata, entrerà a far parte a pieno titolo del patrimonio del museo e sarà proiettata a Santa Ninfa in occasione della tredicesima edizione del premio «Cordio», il riconoscimento che annualmente viene conferito a personalità del mondo della cultura, dell'arte, dello spettacolo e della letteratura.

(Nella foto, l'attore Ivan Giambirtone nei panni di Nino Cordio)

In evidenza