Crisi in casa Dattilo, decisiva la partita contro Cilento

Le parole del presidente Mazzara potrebbe portare a provvedimenti in caso di non risultato contro Pol. Santa Maria.

Mirko
Mirko Ditta
08 Aprile 2021 12:34
Crisi in casa Dattilo, decisiva la partita contro Cilento

Dodici finali in un momento in cui è necessario il cambio di rotta. Ci sono ancora da recuperare le gare contro San Luca e Licata, ma per il Dattilo la partita di domenica diventa già decisiva al “Provinciale” contro la Polisportiva Santa Maria Cilento. Non sono esclusi provvedimenti radicali in caso di un’ulteriore brutta prestazione, come affermato dal presidente Michele Mazzara ai microfoni dell’ufficio stampa della società: «I 32 punti non ci danno la certezza della salvezza, ne serviranno tanti altri ancora. Contro il Santa Maria Cilento dovremo conquistare quanti più punti possibili. Un eventuale nuovo black out potrebbe comportare provvedimenti che saranno presi con serenità e spensieratezza che hanno contraddistinto il Dattilo negli anni». Non sarebbe dunque da scartare un possibile cambio in panchina alla luce di una classifica che si farebbe «catastrofica», alla luce dell’impegno di Mercoledì prossimo sul campo della capolista FC Messina.

Il 4-0 di Troina, «uno spettacolo poco piacevole», arriva in un momento in cui si attendeva già una reazione dalle sconfitte contro Biancavilla e Cittanovese: inspiegabile l’involuzione a cui si sta assistendo dopo le tre vittorie consecutive che avevano proiettato i biancoverdi nei piani alti e con la percezione di essere vista come mina vagante dell’intero girone, soprattutto nelle belle prestazioni contro l’Acireale (vinta 3-2) e contro l’FC Messina, seppur persa 4-2. Questo rappresenta il periodo più difficile della stagione.

Mancanza di esperienza nel campionato di Serie D? Certamente. A cui si somma anche una carenza di fiducia da parte dei ragazzi di mister Chianetta, quel quid in più che possa far scattare la consapevolezza di poter alzare l’asticella perché il Dattilo ha le qualità e gli uomini per poter lottare e regalarsi i play off. Maggiore esperienza nel leggere le partite e sapersi accontentare, soprattutto far crescere anche la casella dei pari, ferma a soli due X. Lecito pensare come il colloquio tra società e squadra sia servito a motivare Sekkoum e compagni in questo senso: «Resto comunque fiducioso – prosegue il numero uno dell’SSD Dattilo 1980 – e contento del lavoro svolto fino a questo punto per una matricola come siamo noi».  

In evidenza